Che Kairos!

Home Che Kairos!

Tempo per pensare

Sono qui con il pile tirato fin sopra la testa, come spesso accade in questo periodo, oggi è proprio una di quelle giornate “No”, non riesco a frenare le lacrime che sto provando a soffocare per non farmi sentire.
Vorrei raccontarti di questo periodo, di come questa quarantena mi sta tenendo lontano da tante cose, alcune fondamentali come mio padre e la mia passione, altre che non pensavo nemmeno mi potessero mancare. Ebbene sì, mi mancano i banchi di scuola e mi manca la gioia che sento quando suona la campanella dell’intervallo o ancor più soddisfacente quando suona quella delle 14.
Questa quarantena si è portata via le nostre routine, che durante l’anno malediciamo tanto: la sveglia alle 6, i pullman in ritardo, le corse per arrivare prima del suono della seconda campanella; abbiamo sempre desiderato starcene a casa, non dover più rivedere determinate facce, poter dormire e cazzeggiare a qualsiasi ora del giorno e poter mettere in muto i prof e fare altro mentre spiegano.
Ora che possiamo fare tutto questo non ci piace, vorremmo tornare indietro e riavere la nostra normalità…
Ogni cosa che ti viene sottratta però ti regala nuove scoperte, esperienze che da sola non avresti mai scelto di affrontare, tutto questo ti aiuta a crescere.
In questo periodo così difficile ho imparato a cercare la felicità all’interno della mia famiglia rafforzando il rapporto con mia madre e mia sorella, ho riscoperto la bellezza del pane caldo fatto in casa, la sensazione appagante di mangiare un piatto di pasta sapendo che sei stato tu a cucinarlo e sapere che puoi usare il tuo tempo per fare attività che prima davi per scontate.
La vita frenetica mi aveva quasi fatto dimenticare quanto possa rendermi felice un pranzo tutti insieme o le serate sotto al plaid a guardare un film.
Non avrei mai voluto vivere una situazione del genere, ma ho imparato a conviverci e ho deciso di
trasformarla in un’opportunità, rispolverare tutte quelle cose che per mancanza di tempo erano state accantonate, lasciate in un angolo.
Può sembrare contraddittorio, ma nonostante sia stata privata delle mie abitudini, mi sento più ricca di altri valori.

 

 

Autore:  Simona Sfragaro

 

 

Scroll Up