Che Kairos!

Home Che Kairos!

Mariano Turigliatto - Scommettere sul proprio futuro: talento e vocazione

Saprebbe descriversi con tre parole?

“Se parliamo di aggettivi sceglierei inquieto, generoso e anche un po’ fragile. Se cercassimo invece tre categorie, sicuramente giustizia, cooperazione e infine compassione, perchè se non ti metti nei panni degli altri la tua umanità è dimezzata”.

Quando ha deciso di intraprendente il suo percorso universitario, ha mai incontrato qualche difficoltà?

“Sì, capita a tutti! Si parte sempre con un’idea ma difficilmente si arriva a concludere proprio quella strada, perchè per fortuna la vita ti offre molte opportunità e ostacoli che ti fanno cambiare strada.
Quando ero piccolo avevo un immagine di me molto diversa da quella che poi ho realizzato, sognavo da circa dieci anni di diventare un medico, dopo tre anni di medicina ho abbandonato la mia strada e non mi pento di averlo fatto, anzi mi sono pentito di non averlo fatto prima!”.

Si è mai chiesto come sarebbe andata la sua vita se avesse preso un’altra strada?

“Continuamente! Oggi, a differenza di quando ero più giovane, sono più consapevole del fatto che una serie di strade non si possono più percorrere. Al giorno d’oggi le mie strade sono sicuramente di meno, ma la vita ci mette sempre nella condizione di poter scegliere. Sicuramente mi chiedo come sarebbe andata se avessi fatto delle scelte diverse, ma questo fa parte dell’essere umano!”.

C’è mai stato qualcuno che l’ha aiutata nelle sue scelte, ha mai avuto un modello da seguire?

“Sicuramente da soli non si va da nessuna parte, ma se non sei tu a cercare i tuoi interlocutori, difficilmente qualcuno si offre. Io ho avuto la fortuna di incontrare persone che hanno costituito per me un modello. Ho trovato molti modelli nella mia scuola superiore, professori con cui avevo anche da ridire, con cui anche al giorno d’oggi sono in contatto. Però un unico modello da seguire non ce l’ha nessuno, perché facciamo una specie di “collage” degli insegnamenti che ogni persona che incontriamo ci offre”.

Se dovesse individuare nella sua vita un fallimento o una caduta che alla fine si è rivelato un Kairos?

“Il primo caso mi è successo quando ho lasciato l’università di medicina, è stata per me una fortuna abbandonare quella strada e intraprenderne una che ha potuto rendermi felice!
Il secondo, riguarda l’ambito della carriera politica, la consapevolezza di essere fuori dal comune in quell’ambito è stato un brutto periodo in cui non capivo il motivo, ma che si è rivelato essere una liberazione”.

Autore:  Ramona Hritcu
Scroll Up